logo
Benvenuto, ospite. Per favore accedi o registrati per attivare tutte le funzioni: Accedi o Registrati.

Notifica

Icon
Error

16 Pagine«<141516
Condividi
Opzioni
Vai all'ultimo messaggio Vai al primo messaggio non letto
Offline Losna  
#271 Inviato : giovedì 20 giugno 2019 15.52.05(UTC)
Losna

Rank: Liana

Iscritto: 24/03/2011(UTC)
Messaggi: 14,773
Scrive da: analfabeta

Ha ringraziato: 5703 volte
E' stato ringraziato: 5868 volte in 3370 messaggi
“Driving a powerboat is a bit like having one person throw a bucket of water over you while another hits you with a baseball bat.”
Steve Curtis (8 volte campione del mondo Offshore Classe 1, svariate volte campione Europeo, Middlie-East e vincitore di campionati USA)
Lo sfilatino logora chi non ce l'ha (un po' anche chi ce l'ha)
Yes, I've got an age, but it keeps changing, so I ignore it.
Schiaccio tre pedali a caso, prendo a manate una leva e giro il volante di qua e di là: mi diverto un casino!
"... Losna, che vederlo al challenge è uno spettacolo, felice come un bimbo nella fabbrica dei giocattoli!!!" ©Feccia
Mi slittano gli ingranaggi
thanks Un utente ha ringraziato Losna per questo utile messaggio
GT il 20/06/2019(UTC)
Offline Losna  
#272 Inviato : giovedì 20 giugno 2019 16.14.00(UTC)
Losna

Rank: Liana

Iscritto: 24/03/2011(UTC)
Messaggi: 14,773
Scrive da: analfabeta

Ha ringraziato: 5703 volte
E' stato ringraziato: 5868 volte in 3370 messaggi
A proposito di Steve Curtis, pilota con il quale lavorai nel 1990 e 1991, penso di aver già raccontato due episodi:

Rapallo, 1990, gara di esordio: Steve fa una bella infilata con il suo Bagutta nuovo di pacca… le infilate non sono (o non erano) un evento rarissimo, ma raro era averne sequenza fotografiche…
.
.

Sempre nel '90, o nel '91, alla Cowes-Torquay-Cowes, a causa della nebbia fitta Steve e il suo driver Vincenzo Polli mancarono la boa di ritorno nella baia di Torquay e spiaggiarono alla grande (roba che neppure Meteora si insabbia così cheese)
.
.
.
.

Modificato dall'utente giovedì 20 giugno 2019 16.20.33(UTC)  | Motivo: Non specificato

Lo sfilatino logora chi non ce l'ha (un po' anche chi ce l'ha)
Yes, I've got an age, but it keeps changing, so I ignore it.
Schiaccio tre pedali a caso, prendo a manate una leva e giro il volante di qua e di là: mi diverto un casino!
"... Losna, che vederlo al challenge è uno spettacolo, felice come un bimbo nella fabbrica dei giocattoli!!!" ©Feccia
Mi slittano gli ingranaggi
thanks 3 utenti hanno ringraziato Losna per questo utile messaggio.
GT il 20/06/2019(UTC), Fletch il 20/06/2019(UTC), mc il 17/08/2019(UTC)
Offline GT  
#273 Inviato : sabato 17 agosto 2019 17.54.59(UTC)
GT

Rank: Ciski

Iscritto: 10/03/2011(UTC)
Messaggi: 6,555
Japan
Scrive da: Biella

Ha ringraziato: 3015 volte
E' stato ringraziato: 4153 volte in 1456 messaggi
“Non ho paura degli incidenti. Ovvio: in quinta, in curva e con un guard rail all’esterno, non mi va di sbattere. Mica sono pazzo. Però, se fossimo verso la fine di una sessione di qualifica, e la pole fosse a portata di mano, magari troverei il modo di rinchiudere la paura in un angolo” Gilles Villeneuve

UserPostedImage


“Nulla si avvicina a quella macchina (Ndr la FW11B ), niente al mondo. I piloti di oggi non sapranno mai cosa significhi guidare una vera F1. Guidare le vetture turbo degli anni ottanta è stata la cosa più esaltante e spaventosa che ho fatto nella mia vita. In qualifica avevi a disposizione fino a 1500 cavalli, e si pensa BMW ne avesse ancora di più. Ad ogni singola curva la macchina cercava letteralmente di ucciderti. Immaginiamo di correre sulla vecchia Silverstone: percorrevi il rettilineo Hangar con il motore in mappatura qualifica, poi affrontavi la curva Stowe, senza alzare mai il piede dall’acceleratore – e questo sul vecchio circuito, con paletti larghi sei pollici e filo spinato come recinzione – passando largo, quasi a colpire le barriere. A quel punto, ti ritrovavi alla Club, e rimanevi ancora con il piede giù. Solo una volta uscito da quella curva avresti tirato un sospiro di sollievo.In primo luogo, perché avresti avuto finalmente tregua dalle enormi G a cui il tuo corpo era stato sottoposto, e poi, molto più importante, perché potevi dire di avercela fatta”. Nigel Mansell

UserPostedImage

“Vogliamo togliere la parola ‘vincitore’ alla Ferrari, visto che ormai sono sinonimi”
Lee Iacocca

“Schumacher ha dichiarato che i piloti più veloci che ha incontrato in pista sono due: Ayrton Senna ed io. Nei kart ricordo duelli pazzeschi, ci siamo anche speronati, ma la spuntavo quasi sempre io. Poi anche in Formula Ford e in Formula 3. C’era grande rispetto, si correva sempre al limite, ma c’era anche una differenza poi risultata decisiva: lui aveva dietro la Mercedes, io no. Lo ringrazierò sempre, prego per lui e per la sua famiglia. Ma quel complimento poteva farmelo nel 1996 quando ero collaudatore alla Benetton proprio con lui. Forse avrebbe convinto Flavio Briatore a darmi un posto in squadra. Non gli conveniva, si è ricordato dopo” Vincenzo Sospiri

“Un pilota corre con la combinazione di piede e cervello, ma senza cervello non si può fare nulla. È il cervello che gestisce il piede. Il piede ha la prevalenza solo quando sei messo sotto pressione e devi fare certe cose, che ti rendi conto che sono assurde e che quando ti fermi, ti guardi allo specchio e ti chiedi: ‘ma chi me l’ha fatto fare?’. È il famoso giro della morte, quando rischi il 110 per cento in tutte le curve e in tutte le frenate, e sei consapevole che stai superando il limite della macchina, un limite che conosci molto bene. Esempio: Imola ‘92 con la Ferrari. La situazione era già abbastanza confusa, con la squadra che stava cercando di riorganizzarsi e una macchina che forse è stata la peggiore Ferrari degli ultimi vent’anni. Ma bisognava andare forte davanti al pubblico di Imola. Alesi ha a disposizione due vetture con cambio trasversale, io due con cambio longitudinale, perché non c’erano altri cambi trasversali disponibili. Facciamo nove giorni di test per la gara, con serbatoio pieno e tempi costanti. Arriviamo alla gara con Alesi che ha la consapevolezza di poter arrivare a un certo limite e io che mi devo inventare un tempo per non scomparire dalla griglia di partenza. In qualifica faccio un giro della morte e riesco ad essere a un decimo dal tempo di Alesi, che in realtà doveva essere ben più lontano. Io so che cosa ho rischiato per fare quel tempo, ma l’analisi della squadra e di chi era intorno a me, fu che non avevo fatto un gran tempo io, era Alesi che era andato piano e avrebbe dovuto fare un tempo da prima fila. Io mi ero preso una paura da togliermi la pelle e nessuno comprendeva il mio sforzo” Ivan Capelli
DPDM
その笑顔のためなら何だって出来るだろう
UserPostedImage
thanks 3 utenti hanno ringraziato GT per questo utile messaggio.
alexvtsmini il 17/08/2019(UTC), Nicksedici il 18/08/2019(UTC), FrancoZ il 18/08/2019(UTC)
Feed RSS  Feed Atom
Utenti che leggono la discussione
16 Pagine«<141516
Vai al forum  
Tu NON puoi creare discussioni in questo forum.
Tu NON puoi rispondere alle discussioni in questo forum.
Tu NON puoi cancellare messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi in questo forum.